Strumenti

Il Fleyé

Nel 1958, all’interno del gruppo folkloristico La Cliccanasce uno strumento a percussione che si è poi diffuso in tutta la regione, il Fleyé o Fléau.

Inizialmente usato come attrezzo agricolo per battere il grano e dividere i chicchi dalla paglia, nel 1958 Vittorio Bovi (membro del gruppo) lo trasforma in uno strumento a percussione per accompagnare il suono melodico della fisarmonica.

Un ulteriore strumento nato all’interno del gruppo La Clicca è lo Xilophone de la grandze.

la-clicca-1.jpeg                        Il Fleyé - La Clicca

Lo Xilophone de la grandze

Creato negli anni ’70 da Claudio Vigna, membro del gruppo, anch’esso riprende uno strumento agricolo.

Per battere il grano in aree più scoscese o in sottotetti particolarmente bassi, si usavano infatti dei piccoli bastoncini a semiluna in sostituzione del fleyé. La battitura avveniva rigorosamente in ginocchio.

Queste bacchette sono state rinvenute nella vallata di Champorcher (in Valle d’Aosta) grazie a specifiche ricerche etnologiche e etnografiche condotte da Claudio Vigna, che le ha poi ridotte in scala ed impiegate per suonare lo xilofono da lui creato.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA